Home > Dal Parlamento Europeo, News, Volontariato

Volontariato: il PE sostiene il “passaporto delle competenze”

Il volontariato permette di acquisire competenze e conoscenze che dovrebbero servire alla ricerca di un posto di lavoro o a integrarsi in un particolare percorso formativo. In una risoluzione presentata dall’italiano Marco Scurria (PPE) adottata martedì, i deputati sostengono la creazione di un “passaporto delle competenze” per facilitare il riconoscimento formale delle esperienze professionali in tutta l’UE e chiedono inoltre un aumento dei fondi destinati alle attività di volontariato europee.

“L’adozione di questa risoluzione è molto importante perché, fino a pochi mesi fa, il volontariato era una specie di oggetto misterioso nell’Unione europea. In particolare, in tempi di crisi come questi, il volontariato ha avuto un significato speciale per il settore del no-profit. Abbiamo voluto evidenziare il ruolo del volontariato nell’Unione europea”, ha affermato il relatore Marco Scurria, durante il dibattito in plenaria a Strasburgo.
L’integrazione sociale grazie al volontariato

Il riconoscimento formale delle competenze acquisite durante le attività di volontariato può rappresentare un valore aggiunto per un CV e dovrebbe facilitare le scelte professionali dei giovani e la ricerca di un impiego, affermano i deputati nel testo approvato. Il passaporto delle competenze potrebbe quindi diventare uno strumento essenziale nel percorso professionale o di formazione degli europei.

Le attività di volontariato nelle organizzazioni sportive, culturali, caritatevoli o altro contribuiscono inoltre a rafforzare la solidarietà e l’inclusione sociale. Attraverso la partecipazione a tali attività, le persone con disabilità o gli immigrati potrebbero ricevere un’adeguata assistenza educativa o finanziaria.
Finanziamenti stabili per le organizzazioni di volontariato

Il Parlamento esorta le autorità nazionali, regionali e locali a garantire finanziamenti stabili e a fornire incentivi fiscali per le organizzazioni impegnate nel volontariato. I deputati chiedono di dare la priorità alle piccole organizzazioni con budget limitati e alle attività di volontariato transfrontaliere e di facilitare l’accesso ai programmi europei e ai finanziamenti.

I deputati infine raccomandano la creazione di un portale europeo centralizzato per aiutare le organizzazioni di volontariato a diffondere informazioni, migliorare la cooperazione e scambiare le migliori pratiche ed esperienze.

La risoluzione è stata adottata con 603 voti a favore, 23 contro e 63 astensioni.

 

Per saperne di più:

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati