Home > esclusa da homepage, Lazio, Turismo

Uni, dalla Valle Tiberina la strategia per il rilancio dell’eccellenza italiana

Con Uni a Viterbo assemblea comitato Iso su turismo e servizi correlati. Presenti il direttore Relazioni esterne sviluppo e innovazione di Uni, Ente nazionale di unificazione Ruggero Lensi, Micaela Manni, esperta Iso Tc228 e delegata per l’Italia nel comitato tecnico ‘Turismo e servizi correlati’ dell’Iso, il presidente della Provincia Marcello Meroi e l’europarlamentare Silvia Costa.
Circa 120 delegati di 40 paesi del mondo si sono riuniti questa settimana a Viterbo e in altri territori della Valle Tiberina, per lanciare una concreta strategia di sviluppo del turismo mondiale. Un vero e proprio modello internazionale, che abbia come punto di riferimento l’eccellenza e la qualità del made in Italy. E che quindi valorizzi le peculiarità nazionali e riporti il nostro Paese al centro dei flussi turistici mondiali.
Si è svolta infatti, in Italia, per la prima volta, l’assemblea del Comitato tecnico ‘Turismo e servizi correlati’ dell’Iso (International Standards Organization), di cui il rappresentante italiano è Uni, l’Ente nazionale italiano di unificazione. Una grande vetrina e opportunità per l’Italia, dove si è parlato di turismo a livello internazionale, con la partecipazione di esperti e imprenditori del settore, cercando appunto di elaborare un sistema di sviluppo integrato basato su territorio, arte, prodotti tipici e ricettività, nel rispetto dell’etica condivisa, dell’attenzione all’ambiente e alle varie culture territoriali. 

L’obiettivo è quello di individuare e attuare un modello di sviluppo capace di rilanciare la cosiddetta ‘Italia di mezzo’, con un’adeguata dotazione infrastrutturale e strategie comuni con la regione Tiberina. Questo ‘territorio-laboratorio’, infatti, farà da progetto pilota per rilanciare anche l’economia del comparto turistico con un sistema di ‘rete’ che travalichi confini e conflitti politici per un reale sviluppo e una crescita dell’area come modello esportabile non solo in altre zone d’Italia ma anche all’estero. Grazie alla collaborazione tra Uni e il Consorzio Tiberina, delegati internazionali si sono incontrati per parlare proprio di servizi relativi al turismo e ai beni culturali, punto di forza del nostro Paese. I lavori tecnici si sono concentrati sui temi della qualità dei centri di informazione e accoglienza, della gestione delle spiagge, del turismo d’avventura, delle aree protette e della sostenibilità delle infrastrutture turistiche.
L’Uni, che ha organizzato questa settimana dedicata al turismo qui in Italia, è infatti un’associazione senza fine di lucro fondata nel 1921 e riconosciuta dallo Stato e dall’Unione europea. Rappresenta l’Italia presso le organizzazioni di normazione europea (Cen) e mondiale (Iso) e studia, approva e pubblica le norme tecniche volontarie, le cosiddette ‘norme Uni’. Norme il cui scopo è quello di contribuire al miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia del sistema economico-sociale italiano e supportare l’innovazione tecnologica, la competitività, la promozione del commercio, la protezione dei consumatori, la tutela dell’ambiente, la qualità dei prodotti e dei processi.Nella settimana, si è svolto quindi un vero e proprio itinerario turistico che si è snodato tra i borghi della regione della Tuscia, l’antica Etruria, per concludersi oggi, a Viterbo, con la sessione plenaria del Comitato internazionale Iso/Tc 228, nell’Aula Magna della prestigiosa Università della Tuscia, in S. Maria in Gradi, ex convento dei domenicani fondato nel 1215. Oltre alla ‘Città dei Papi’, a ospitare i delegati sono stati, nei giorni scorsi, anche la suggestiva Tuscania e i centri umbri di S. Liberato e Narni, insediamento preromano. E, ancora, S. Martino al Cimino, incantevole località di villeggiatura dei Monti Cimini nota per i suoi boschi e funghi, e poi Orte, di origini etrusche e importante snodo stradale e ferroviario, dove è stato ricordato tra l’altro il senatore Angelo Manni nell’ambito dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, per la quale si è tanto battuto. 

Questo incontro internazionale, dunque, ha visto la definitiva consacrazione della regione Tiberina. Un’area che ha come elemento unificante il Fiume Tevere e che coinvolge, attraverso il bacino idrografico e gli affluenti, sei regioni. Infatti, il Consorzio Tiberina ha avviato una collaborazione, orientata soprattutto allo sviluppo di una progettazione condivisa in campo turistico, con la Provincia di Terni e i territori dell’Umbria e della Toscana interessati dalla presenza storico-culturale e turistica del Tevere.

Una collaborazione che si propone come esempio di rilancio per un’economia turistica basata sui prodotti tipici locali, che vanno dall’accoglienza turistica ai siti archeologici etruschi, ai prodotti enogastronomici e all’artigianato, con un’attenzione importante all’ambiente e al benessere psicofisico delle persone. La presenza di Roma Capitale nella regione Tiberina dona, infine, al progetto un’enorme potenzialità di ‘catalizzatore’ di attenzione e costituisce già un forte bacino di fruizione turistica interscambiabile all’interno della stessa regione Tiberina.

Tra i gruppi di lavoro che si sono succeduti in questi giorni, nelle diverse località del territorio, il Wg 3 ‘Centri di accoglienza turistica’ e il Wg 5 ‘Spiagge’, con la partecipazione di esperti di paesi, oltre all’Italia, tra i quali Argentina, Brasile, Cina, Corea, Francia, Kenia, Malesia, Regno Unito, Spagna, Svizzera, Trinidad e Tobago, Tunisia. La riunione del Wg 3, in particolare, è stata dedicata all’esame dei commenti pervenuti al ‘committee draft’ relativo ai requisiti che dovrebbero avere gli uffici del turismo, mentre la riunione del Wg 5 ha discusso i criteri che dovrebbero essere alla base dei servizi erogati dalle spiagge. A questi incontri ha fatto seguito la riunione del Wg 7 ‘Turismo d’avvenutra’, del Wg 6 ‘Aree protette’ e del Wg 10 ‘Strutture rispettose dell’ambiente’. La settimana Uni-Iso, dopo la plenaria di oggi a Viterbo, si concluderà domani, con un incontro all’Università Lumsa di Roma.

(Adnkronos, 20 maggio 2011)

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati