Home > Diritti, Focus, Plenaria, Primo piano

Tutela dei diritti minimi per le vittime di reati nell’UE, approvata la direttiva

Ogni anno, nell’UE, circa 75 milioni di persone sono vittime di reati. Le vittime di reati commessi all’estero possono incontrare gravi problemi a causa delle differenze tra culture, lingue e legislazione.

 

Il testo della direttiva approvato oggi mira a garantire che per qualsiasi crimine – rapina, furto, aggressione, stupro, molestie, crimine d’odio, attacchi terroristici, o traffico di esseri umani – e ovunque in Europa, tutte le vittime godano degli stessi diritti minimi fondamentali nei procedimenti penali, siano trattati con rispetto e dignità e abbiano accesso ai servizi di assistenza alle vittime, alla giustizia e ai risarcimenti.

 

Così commenta l’approvazione del testo Silvia Costa: “Facciamo oggi un passo di straordinaria importanza: dopo le direttive sulla tratta di esseri umani, la pedopornografia e l’Ordine di Protezione europeo, con questo atto poniamo ancora una volta al centro la persona, e la persona vulnerabile in particolare. E onoriamo con la sua approvazione la memoria delle vittime dell’11 settembre ”.

Secondo quanto previsto dalla direttiva tutte le vittime potranno avere una tempestiva valutazione individuale delle loro specifiche esigenze di protezione collegate a caratteristiche personali e alla natura e alle circostanze del reato.

 

Gli Stati membri saranno obbligati a garantire – dal momento in cui la vittima subisce il reato – che ad essa e ai suoi familiari sia consentito l’accesso ai servizi di assistenza gratuiti e confidenziali (ad esempio, il sostegno psicologico), dal momento in cui il reato viene denunciato, durante e dopo le indagini e il processo, e indipendentemente da dove sia avvenuto il reato. Servizi di supporto specialistici dovrebbero essere istituiti per le vittime con esigenze specifiche, come le vittime di violenza di genere o i bambini. Le vittime dovranno essere informate dei loro diritti, oralmente o per iscritto, in una lingua a loro comprensibile. Servizi di interpretariato e traduzione saranno messi a disposizione per assicurare che possano prendere parte attiva nel procedimento penale (colloqui e udienze) nella propria lingua.

 

E’ molto importante che si definisca in tutti i Paesi una comune base di diritti imprescindibili, da quello di capire ed essere capiti nella propria lingua, l’accesso a servizi, all’informazione, al risarcimento. In sostanza, alla giustizia per sé e per i propri familiari – spiega l’on. Costa. “Ed è altrettanto importante che sia presente nella direttiva uno specifico riferimento alla particolarità della violenza contro i minori e contro le donne. Su questo, auspico che uno sforzo di formazione e aggiornamento avvenga anche nella cultura di magistrati, avvocati e di tutti i soggetti che intervengono durante le indagini e in sede processuale”.

 

Silvia Costa segnala i rischi connessi anche ad altre forme di violenza:Occorre vigilare con la stessa attenzione sulle forme di vittimizzazione secondaria, come quello che passano attraverso la violazione della privacy e l’esposizione alla violenza operata dai media con la diffusione di immagini di minori” , e lancia una proposta: “ la creazione di una rete europea per il sostegno alle  vittime e di una banca dati che ne raccolga numero, nazionalità, età e genere delle per una più attenta e costante attività di monitoraggio del fenomeno”.

Condividi:

    1 commento for “Tutela dei diritti minimi per le vittime di reati nell’UE, approvata la direttiva”

    1. d'onofrio paolo scrive:

      Sono incluse le Vittime di incidenti (omicidi) stradali? E le Vittime della ‘mala gestio’ amministrativa?

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati