Home > Primo piano

Sulla via dello sviluppo in Italia e alla Regione Lazio con il PD, Bersani, Zingaretti e Ambrosi

L’Europa e l’Italia stanno attraversando una delle più gravi crisi dal dopoguerra. Una crisi finanziaria internazionale, che ha effetti devastanti sull’economia e sulla realtà lavorativa e sociale. Il nostro Paese un anno fa rischiava la stessa sorte della Grecia, trovandosi in una condizione di particolare debolezza su almeno tre fronti: quello economico, quello delle mancate riforme, e quello socio-occupazionale. Il Governo Berlusconi non solo ha dilapidato il miglioramento del debito e del deficit realizzato da Prodi, ma non ha mantenuto nessuna delle sue promesse in tema di riduzione delle tasse, maggiore occupazione, equità sociale, riforme “liberali”, maggiori risorse ai Comuni. Ha umiliato la reputazione e la credibilità dell’Italia in ambito europeo e internazionale e  messo sulle spalle degli italiani una pesante ipoteca, firmando l’impegno con l’Europa  a rientrare  di 90 miliardi di debito entro il 2013. Non credibilità politica e indegnità etica che hanno portato alla nascita del Governo tecnico Monti  - che ha ridato dignità e credibilità all’Italia in Europa e a livello internazionale e sui mercati -  grazie alla determinazione del  Presidente Napolitano e al senso di  responsabilità verso il Paese del Partito Democratico, che ha anteposto l’interesse dell’Italia al proprio, non chiedendo le elezioni in un momento tanto drammatico.


Ma ora si tratta di andare avanti sulla via dello sviluppo con un Governo di centrosinistra, guidato dal PD, che abbia la piena legittimazione democratica e una capacità di ascolto dei cittadini e di sintesi politica verso quattro obiettivi fondamentali, inscindibili: l’occupazione, l’equità sociale, la modernizzazione del Paese, l’impegno per la trasparenza e contro il conflitto di interessi, a favore della moralità pubblica e la riduzione dei costi della politica.


Proprio a causa dei gravi reati di corruzione e di malaffare della maggioranza di centrodestra che governava la Regione e per l’incapacità di guida e di governo della Polverini,  noi cittadini del Lazio siamo chiamati, il 24 e 25 febbraio, anche  alle elezioni regionali. Il PD ha fatto una scelta forte e responsabile, indicando Nicola ZINGARETTI come Presidente della coalizione di centro sinistra e presentando candidate e candidati nuovi e credibili.


Per questo ti chiedo di sostenere Nicola Zingaretti e di dare la tua preferenza a Piero AMBROSI, candidato a Roma e nei Comuni della Provincia, che unisce una solida cultura politica e amministrativa – maturata nell’associazionismo, poi come assessore in Provincia di Roma, e infine come dirigente pubblico – ad una personale correttezza e capacità di ascolto e di proposta, per costruire insieme una Regione europea.

 

Con lui condivido una radice cattolico-democratica e l’impegno su tematiche strategiche per il futuro del Lazio: la restituzione alla Regione del suo ruolo legislativo e di programmazione; la valorizzazione della sussidiarietà verticale (Province e Comuni) e orizzontale (forze sociali, no profit, imprese);  il rilancio della  formazione e dell’occupazione, soprattutto per i giovani e le donne; la programmazione strategica e trasparente dei nuovi  fondi strutturali europei 2014/20 sulle vocazioni specifiche del Lazio.

 

Penso al sostegno al diritto allo studio, all’Università, alla ricerca e all’istruzione e formazione professionale; alla valorizzazione del patrimonio  culturale e alle imprese dei settori creativi e dell’audiovisivo; agli incentivi alle PMI; alla tutela dell’ambiente e allo sviluppo rurale; alla valorizzazione del turismo e degli itinerari culturali; al potenziamento delle infrastrutture materiali e immateriali e della mobilità; all’attuazione di una politica sociale che ripristini il reddito minimo, sostenga le famiglie e la conciliazione famiglia-lavoro. L’obiettivo prioritario è una politica regionale di sviluppo che riequilibri e valorizzi i soggetti sociali, i territori e le opportunità di crescita e di sviluppo alla luce dell’equità sociale, dell’innovazione e della correttezza amministrativa.

Silvia Costa

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati