- Silvia Costa - http://www.silviacosta.it -

Strasburgo, l’aula ha ricordato i soldati italiani uccisi in Afghanistan

Nel corso dei lavori della seduta plenaria in svolgimento a Strasburgo, oggi pomeriggio il Parlamento europeo ha voluto ricordare il sergente Massimiliano Ramadù, 33 anni, di Velletri, in provincia di Roma, e il caporalmaggiore Luigi Pascazio, 25 anni, della provincia di Bari, i due soldati italiani del contingente Isaf impegnato in Afghanistan uccisi in seguito all’esplosione di un ordigno.

L’aula ha anche espresso solidarietà ai due soldati rimasti feriti nel corso dello stesso attacco, Gianfranco Scirè, 28 anni, di Palermo, e Cristina Buonacucina, 27 anni, originaria di Foligno.

Oltre a manifestare ai familiari delle vittime il mio più profondo cordoglio e la grande tristezza per questa ennesima tragedia, mi preme sottolineare la necessità non più rinviabile che il parlamento italiano affronti il tema della missione in Afghanistan affinchè si impegni il governo a ridiscutere i termini della missione italiana in quel martoriato Paese. Voglio anche rivolgere un pensiero affettuoso a Cristina Buonacucina, per fortuna rimasta solo ferita in questo attacco mortale, una delle tante donne militare impegnate a dare il loro importante contributo alle missioni di pace.

Condividi: