Home > Comunicati stampa, Dal Parlamento Europeo, Primo piano

Strage di Lampedusa, Silvia Costa (PD/S&D): Superstiti “indagati”, cambiare subito la legge

lampedusaL’eurodeputata PD/S&D: “In Europarlamento via a Eurosur e dibattito sui profughi siriani. Ma serve un Consiglio straordinario per una politica europea dell’immigrazione”

Strasburgo, 7 ottobre 2013 - “La assurda condizione di “indagati” in cui si trovano i superstiti del barcone affondato a largo di Lampedusa rende evidente l’urgenza di superare la Legge Bossi-Fini”- è quanto ha dichiarato oggi l’europarlamentare PD/S&D Silvia Costa a margine della commemorazione dei morti di Lampedusa nella seduta plenaria del Parlamento Europeo.

Una legge che genera un paradosso ancora più evidente a fronte della lodevole iniziativa di accoglienza per i sopravvissuti decisa dal Comune di Roma. Una legge che vittimizza i migranti, rende gli ingressi legali più difficili a vantaggio delle attività dei trafficanti - ha continuato Costa - e di fatto peggiora le condizioni di arrivo, ingresso e permanenza“.

In Europa, una prima risposta è in arrivo: giovedì, a Strasburgo, approveremo in prima lettura - ha anticipato l’eurodeputata PD il regolamento di Eurosur, il nuovo sistema di condivisione delle informazioni per gestire le frontiere tra gli Stati membri per migliorare l’individuazione, la prevenzione e la lotta alla criminalità transfrontaliera ma anche, su proposta di noi parlamentari europei, per contribuire a salvare la vita dei migranti in pericolo. Il tema dei 2 milioni di rifugiati in fuga dal conflitto in Siria sarà invece oggetto di una dichiarazione in Parlamento dell’Alto Rappresentante Ashton e di Barroso“.

Ma non basta. Occorre convocare con urgenza un Consiglio dei Ministri straordinario che si occupi dell’immigrazione e dell’emergenza profughi: a livello comunitario dobbiamo ripensare la logica per la quale si obbligano gli stessi paesi più direttamente interessati dagli sbarchi di profughi in transito verso altre nazioni a svolgere anche le pratiche per il riconoscimento del loro status, un onere - ha concluso Silvia Costa - che non può essere caricato esclusivamente sugli Stati di primo approdo“.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati