- Silvia Costa - http://www.silviacosta.it -

Silvia Costa: Importanti voti in PE sui fondi europei e accordo di libero scambio con Singapore

“Grandissima vittoria in Europarlamento con il voto in Aula sul regolamento generale sui fondi europei: è stato approvato un nostro emendamento che cancella la condizionalità macroeconomica (taglio ai fondi strutturali ai paesi che non rispettano il Patto di Stabilità).  Abbiamo scongiurato che tante Regioni si vedessero sospesi i fondi europei per la crescita e il lavoro. CPR (Common Provision Regulation) è il regolamento generale che determina le disposizioni comuni per i diversi fondi strutturali europei. Dunque l’utilizzo dei fondi strutturali delle regioni non sarà subordinato alle violazioni di bilancio degli Stati membri cui appartengono.

Vengono investiti 380 miliardi di euro per sostenere tutte le regioni e per stimolare lo sviluppo e affrontare la disuguaglianza tra e all’interno degli Stati membri. Questi investimenti andranno anche verso l’innovazione, promuovendo la competitività, la trasformazione digitale e l’adattamento industriale, il patrimonio culturale, la lotta contro la disoccupazione giovanile e la povertà, nonché verso un’economia circolare a basse emissioni di carbonio e la lotta contro il cambiamento climatico”.

Lo ha dichiarato Silvia Costa. 

“Inoltre il via libera di oggi del Parlamento Europeo alle trattative sull’accordo commerciale e di investimento tra la l’Unione Europea e Singapore – prosegue l’europarlamentare – è molto importante. Gli accordi commerciali e di investimento con Singapore sono fondamentali sia per l’Italia che per l’Europa. E’ il terzo maggiore investitore nell’Ue, dopo Cina e Giappone. Con un valore di oltre €90 miliardi, gli scambi bilaterali di merci e servizi tra l’Ue e Singapore rappresentano un terzo di tutti gli scambi di merci e servizi tra l’Ue e l’ASEAN. Con più di €2 miliardi di esportazioni dall’Italia verso Singapore e circa 8.000 imprese italiane coinvolte nell’export verso il Paese sud-est asiatico, di cui l’83% di piccole e medie dimensioni. Il nuovo accordo tra Ue e Singapore offrirà un alto livello di protezione degli investimenti, garantendo che gli investitori europei riceveranno un trattamento giusto ed equo, e proteggerà il diritto degli Stati membri a legiferare per tutelare la salute pubblica, l’ambiente e altre aree di interesse pubblico. Gli accordi commerciali e di investimento con Singapore presentano molte opportunità per l’Italia e segnano un’importante svolta nella cooperazione tra l’UE e l’Asia e per questo il voto di oggi è importante”.

Condividi: