Home > Cultura, esclusa da homepage

Scelti i tre film finalisti al Premio Lux, il 24 novembre la premiazione

premio-lux“Akadimia Platonos” – “L’Accademia di Platone” di Filippos Tsitos (Grecia/Germania); “Die Fremde” – “Lo straniero” di Feo Aladag ( Germania); “Illégal” – “Illegale” di Olivier Masset-Depasse (Belgio/Francia/Lussemburgo) sono i tre film finalisti del premio Lux, concorso internazionale finanziato dal Parlamento Europeo che testimonia l’impegno del Parlamento Europeo a favore del cinema.

Ciascuno dei tre film mette in evidenza la contrapposizione fra le scelte individuali e le tradizioni della comunità, le libertà fondamentali, l’immigrazione clandestina, il modo di vivere, le convinzioni, i dubbi e la ricerca d’identità degli europei. Inoltre nelle pellicole hanno anche eco le leggi e le politiche europee.

I film in competizione sono stati prima presentati a Venezia e in seguito verranno presentati a Bruxelles dal 26 ottobre al 19 novembre presso il Parlamento europeo. Il 26 ottobre c’è stata la proiezione di apertura, invece mercoledì 27, sempre presso il Parlamento europeo a Bruxelles ha avuto luogo un’audizione su «Cinema e identità europea» supportata dalla Commissione per la cultura e l’istruzione in cui si é discusso del futuro del cinema europeo alla luce del programma MEDIA 2014-2020.

Il regista e presidente della European Film Academy Wim Wenders ha esaminato il ruolo didascalico del cinema secondo una comune anima europea, esaminando la possibilità d’ insegnare ai bambini l’esistenza di un linguaggio completamente differente che potrebbe aiutare a non finire vittime della cultura fast-food. Ha aggiunto, inoltre, che è necessario insegnare ai bambini che esiste la possibilità di imparare che ci sono film sui loro vicini, che esiste un tipo di cinema molto diverso e, in un certo senso, ancora più divertente. Il linguaggio audiovisivo è forse quello a cui i bambini sono più esposti, ma è l’unico per il quale non ricevono alcuna preparazione. Non sto parlando soltanto di cinema, ma anche di giochi, televisione, internet. È un linguaggio che può essere insegnato, ipotizzando la possibilità di avere una scuola dove i bambini imparino a leggere i film. Wenders ha, inoltre, esaminato la questione delle diverse lingue europee dichiarando che una lingua diversa può essere un problema, ma in realtà può anche essere un privilegio la possibilità di fare film in diverse lingue.

Il 24 novembre 2010, dopo il voto dell’Europarlamento, il Presidente Busek a Strasburgo assegnerà il Premio Lux. Inoltre sono previste le proiezioni dei film finalisti anche durante il Medfilm Festival di Roma  nei giorni 14 e 19 novembre 2010.

Come per le passate edizioni – Auf der andersen Seite (2007), Le silence de Lorna (2008) and Welcome (2009) – il film vincitore del Premio Lux del 2010 riceverà un finanziamento del Parlamento europeo che garantirà i sottotitoli nelle 23 lingue. Il finanziamento servirà anche per l’adattamento dell’originale nella versione per i non vedenti o i non udenti, per la produzione del formato cinematografico in 35 mm destinato agli Stati Membri,e per la distribuzione in DVD.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati