Home > Dal Parlamento Europeo

REVISIONE DELLA DIRETTIVA SUI SERVIZI MEDIA AUDIOVISIVI. SILVIA COSTA: “UN PASSO AVANTI PER UN MAGGIORE EQUILIBRIO SU DIRITTI E DOVERI TRA TELVISIONI, VOD E PITTAFORME ON LINE NELLE TUTELE, NELLA PUBBLCITA’ E NELLE QUOTE DI OPERE EUROPEE. CONDIZIONI ESSENZIALI PER UNO SPAZIO EUROPEO DEL DIGITALE”.

19

 

(Bruxelles, 25 aprile 2017).

Un ampliamento della protezione  dei minori e della dignità umana,  divieto di hate speech e forme persecutorie sulle piattaforme di video sharing, con obbligo di rimozione immediata di video offensivi, regole più equilibrate su pubblicità, sponsorizzazioni e inserimento di prodotti commerciali tra on line e off  line.

Obbligo per i Vod di ospitare in evidenza quote di opere europee e possibilità per gli Stati membri di chiedere loro di investire in opere europee.

Sono tra i risultati più importanti ottenuti e approvati oggi a Bruxelles dalla Commissione Cultura sulla revisione della Direttiva sui Servizi Media Audiovisivi (Avms). “Si tratta di un ulteriore passo avanti in vista della creazione di uno spazio europeo del digitale che mette in condizioni gli operatori di agire in un sistema dotato di regole più chiare ed omogenee per tutte le categorie di operatori dell’audiovisivo: televisioni, piattaforme di video su richiesta (VOD) e piattaforme di condivisione di video (VSP)”. Lo ha dichiarato l’europarlamentare Silvia Costa , coordinatore del gruppo S&D, al termine della votazione con la quale la Commissione Cultura ha adottato la sua posizione sulla revisione della Direttiva Avms che dopo i negoziati con il Consiglio giungerà ad un testo definitivo. “Come Parlamento abbiamo portato a termine la battaglia per l’estensione di alcune responsabilità  fondamentali sulla tutela degli individui, soprattutto i più deboli- prosegue Silvia Costa. “Personalmente avrei preferito che fosse mantenuto un maggior livello di tutela dei minori nelle emittenti televisive, ma è comunque importante aver introdotto nel testo il principio che l’efficacia dei codici di condotta, di cui le piattaforme dovranno dotarsi, sia valutata dalle authority nazionali, con la possibilità per gli Stati membri di imporre regole più stringenti alle piattaforme, superando la clausola di armonizzazione massima prevista in questo campo dalla proposta iniziale della Commissione”.

In questo ulteriore passaggio, nella direttiva è stato chiarito il ruolo dell’ERGA, l’organismo consultivo di coordinamento europeo delle autorità nazionali di regolamentazione, nell’affiancare la Commissione anche nella redazione di codici di condotta europei. Questi, uniti a nuove e più armonizzate norme fiscali per gli over the top, permetteranno di evitare le pratiche di forum shopping, ovvero di scelta arbitraria da parte delle piattaforme di operare nello Stato membro in cui vige un regime fiscale e regolatorio più vantaggioso.

La nuova Direttiva, inoltre, prevede l’estensione alle piattaforme di condivisione di video dell’obbligo di garantire quote di programmazione di opere europee (incrementata al 30% dal Parlamento rispetto alla quota del 20% prevista dalla proposta iniziale della Commissione), ma anche l’introduzione della possibilità per gli Stati membri di destinazione dei contenuti trasmessi dalle piattaforme di esigere da parte delle stesse un contributo al finanziamento della produzione di opere europee.

Infine, per quanto riguarda le regole sull’affollamento pubblicitario nelle televisioni, “il Parlamento – conclude l’europarlamentare Silvia Costa – ha cercato di raggiungere un equilibrio che garantisca maggiore flessibilità alle emittenti, necessaria vista la pressione a cui erano soggette con le regole vigenti, salvaguardando un buon grado di tutela degli utenti: abbiamo mitigato la proposta iniziale della Commissione, eccessivamente liberista, introducendo una finestra di limite all’affollamento pubblicitario nella prima serata, variabile da uno Stato membro all’altro, che si affianca alla finestra giornaliera prevista dalla proposta della Commissione”.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati