Home > News

Punto per punto i lavori della prossima plenaria di Bruxelles

I lavori della sessione plenaria che si terrà a Bruxelles il 24 e 25 febbraio 2010 prevedono la trattazione di diversi argomenti. Qui di seguito il bollettino, punto per punto, di quella che sarà l’attività del Parlamento Europeo e in questo link il calendario dettagliato di tutte le attività parlamentari della settimana.

Le nuove priorità della politica comune della pesca – Il Parlamento adotterà giovedì le proprie priorità in materia di politica comune della pesca. Nel progetto di risoluzione, i deputati sottolineano che gli aspetti sociali, ambientali ed economici legati alla pesca devono avere tutti lo stesso peso nel definire le azioni dell’Unione in tale settore. Il Parlamento, al quale il Trattato di Lisbona ha conferito pieni poteri legislativi in materia, definisce cosi la propria posizione rispetto al processo di riforma della politica europea della pesca, che dovrebbe iniziare nei prossimi mesi.

Ridurre gli oneri amministrativi per le piccole imprese -  Le micro-imprese potrebbero essere esentate da obblighi in materia d’informativa finanziaria grazie ad una modifica della legislazione UE in materia di diritto societario che sarà votata dai deputati giovedì. Tali esenzioni, se approvate, dovrebbero comunque ricevere l’approvazione dei singoli Stati membri per entrare in vigore e le imprese dovrebbero in tutti i casi registrare le loro transazioni commerciali e la loro situazione finanziaria.

Trattato di Lisbona: emendare il bilancio per far fronte a nuove sfide – Il Parlamento voterà per creare 150 nuovi posti di funzionari e per aumentare la voce di bilancio per l’assunzione degli assistenti parlamentari. In seguito al notevole aumento di poteri e compiti del Parlamento dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, un maggior numero di personale all’interno dell’amministrazione del PE, dei gruppi politici e negli uffici dei deputati si è reso necessario. Per concludere il suo iter, la proposta che sarà votata giovedì dal Parlamento dovrà essere poi incorporata in un testo della Commissione, che dovrà a sua volta essere approvato dal Consiglio e dallo stesso PE.

Crisi in Grecia e strategia UE 2020 – I deputati discuteranno i risultati del summit informale tenutosi lo scorso 11 febbraio a Bruxelles. All’ultimo summit informale, i leader dell’UE si sono impegnati ad aiutare la Grecia ad affrontare la crisi finanziaria che la colpisce, mentre hanno chiesto al governo greco di adottare misure efficaci per ridurre il deficit di bilancio di quattro punti percentuali entro il 2010. Il Consiglio europeo ha anche discusso il nuovo piano per la crescita e l’occupazione, la strategia UE 2020. Una risoluzione sul dibattito sarà votata durante la sessione plenaria di marzo.

Risoluzione del PE in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sui diritti umani – Mercoledì prossimo, i deputati europei analizzeranno lo stato dei diritti umani in Europa e nel mondo. La risoluzione, votata giovedì, sarà incentrata su “l’universalità, l’indivisibilità e l’interdipendenza dei diritti umani”, sulla situazione ad Haiti, in Iran, a Gaza, e anche sul rispetto dei diritti umani all’interno dei paesi europei.

Conflitto a Gaza: i deputati discutono l’attuazione della relazione Goldstone - Il Parlamento discuterà la relazione della missione esplorativa dell’ONU sul conflitto di Gaza, guidata dall’ex giudice sudafricano Richard Goldstone, e la reazione da parte israeliana e palestinese alle proposte delle Nazioni Unite.

I deputati voteranno una risoluzione sull’Ucraina – In seguito al dibattito svoltosi in Aula nel corso della sessione di febbraio a Strasburgo, i deputati sono ora chiamati a votare una risoluzione. Nel documento si ricorda che le elezioni presidenziali hanno rispettato la maggior parte degli standard OCSE e dell’Unione europea in materia di elezioni libere ed eque.

Diritti delle donne 15 anni dopo la Conferenza di Pechino: ancora molto da fare – I deputati terranno un dibattito con Consiglio e Commissione su “Pechino +15″, una relazione che presenta i progressi compiuti rispetto agli obiettivi fissati durante la quarta Conferenza mondiale sulle donne, organizzata dall’ONU a Pechino nel 1995. La commissione per i diritti delle donne ha posto un’interrogazione orale al Consiglio e alla Commissione per evidenziare che “a quindici anni di distanza sono stati compiuti dei passi avanti a livello mondiale solo in alcuni dei settori”.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati