Home > Dal Parlamento Europeo, esclusa da homepage

Plenaria del 17-20 maggio 2010, ecco com’è andata a Strasburgo

strasburgoMentre l’Europa attraversa una dura crisi economica e i governi cercano vie d’uscita per l’euro, i tagli e la stabilità, il Parlamento discute sulle ricette nel medio e lungo termine: tutti d’accordo che la politica economica non può più restate in mano degli Stati, ma quale formula per la ripresa: austerità o sostegno alla crescita? Ma in Aula questa settimana si è parlato anche di altro: dalla donazione degli organi agli additivi per la carne. Un resoconto in immagini e parole.

“Dalla crisi non si esce mantenendo lo status quo”- Discussione sui risultati degli ultimi vertici UE sulla situazione economica. Secondo molti parlamentari, ai piani di salvataggio dell’euro si deve accompagnare un’autentica politica economica europea. “L’UE non uscirà dalla crisi mantenendo lo status quo”, ha detto una deputata socialista. Di “cambio di mentalità” ha parlato il leader del centro-destra Joseph Daul.
Tailandia sotto assedio – l’Aula ha approvato una risoluzione d’urgenza che condanna l’uso di armi da fuoc da parte del governo per sedare la rivolta delle camicie rosse. Il presidente del Parlamento ha mandato le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e alla famiglia di Fabio Polenghi, il fotoreporter italiano ucciso a Bangkok mercoledì.
Donazione di organi senza frontiere – Via libera alla prima tappa dell’iter di una legge che permetterà di creare uno “spazio europeo” per la donazione degli organi: standard minimi di sicurezza e qualità e un sistema di comunicazione per mandare un cuore greco in Irlanda, un fegato lettone in Portogallo e così via. Oggi in Europa 12 persone al giorno muoiono aspettando un trapianto.
“Made in” obbligatorio – Regole precise per informare in modo trasparente i consumatori sull’origine dei capi di abbigliamento e altri prodotti tessili. Un oggetto potrà essere etichettato come “made in” se almeno il 50% delle tappe di fabbricazione sono realizzate in un certo paese. Il regolamento deve ora passare al vaglio dei governi UE.
No alla colla per carne – In un voto mozzafiato – passato per una voce – il Parlamento ha bocciato l’autorizzazione della trombina, un additivo alimentare estratto da un enzima suino o bovino che serve a “ricostituire” pezzi di carne interi dai resti. La Commissione aveva proposto di aggiungerla alla lista degli additivi permessi nell’UE. Il Parlamento la ritiene ingannevole per il consumatore.
Ufficio di sostegno per l’Asilo e programma per il rinsediamento – Via libera definitivo all’apertura dell’Ufficio europeo di sostegno per l’Asilo, che avrà sede a Malta e dovrà aiutare e coordinare gli Stati UE nella gestione delle richieste di asilo. Il Parlamento ha approvato anche un programma di rinsediamento volontario dei rifugiati, per cui i paesi UE riceverebbero 6000€ per ogni rifugiato accolto.
UE2020: opinioni diverse sulle ricette per uscire dalla crisi. Con il centro-destra europeo che insiste sull’austerità e la “stabilità finanziaria” e il centro-sinistra che lo accusa di “voler far pagare la crisi ai cittadini”, il Parlamento ha deciso di posticipare il voto sulla “strategia EU2020 per lo sviluppo e la crescita” a giugno, sperando di trovare punti di accordo.
Camion: a stessa infrazione, stessa multa – I deputati hanno votato un rapporto che pone in evidenza la disomogeneità di sanzioni per le infrazioni dei camion in maniera sociale. Guidare più del tempo massimo consentito, per esempio, può costare 10 volte di più a un camionista spagnolo che a un greco: un sistema più equlibrato è necessario, dice il Parlamento.
Caucaso del Sud: l’UE deve essere presente e intervenire per la stabilità e lo sviluppo democratico della regione incuneata fra il Mar Nero e il Mar Caspio. Georgia, Armenia e Azerbaijan sono paesi di enorme importanza geo-strategica, e allo stesso potenziali bombe a orologeria a causa dei conflitti latenti nell’area.
Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati