Home > Dal Partito Democratico, esclusa da homepage, Volontariato

Narducci (PD): Risorse per la cooperazione ridotte dal Governo

L’on. Franco Narducci, Vice presidente della Commissione affari esteri, è intervenuto concludendo la prima sessione del convegno promosso dall’europarlamentare Silvia Costa (Pd/S&D) su “Volontariato, tra inclusione e innovazione sociale” che si è tenuto questa mattina a Roma a Villa Celimontana alla presenza di rappresentanti di associazioni di volontariato, parlamentari italiani ed europei ed amministratori locali, ai quali hanno rivolto un saluto Claudio Cecchini, assessore ai Servizi Sociali della Provincia di Roma e Cristina De Luca, presidente del Co.Ge Lazio. Lo si legge in una nota del deputato Pd.

Narducci dopo le riflessioni condotte da Nicolò Lipari, già relatore della legge sul volontariato che esattamente vent’anni fa ha rappresentato un quadro di riferimento molto avanzato in Europa, e da Renzo Razzano, presidente di Spes Lazio e vice presidente del Centro Europeo per il Volontariato, che ha richiamato le proposte e le attese dei volontari europei alla UE, ha concluso il primo panel dei lavori, dal titolo “Volontariato nelle sfide globali”, che è stato introdotto e coordinato da Sergio Marelli, segretario generale della FOCSIV, sottolineando che “solo attraverso la ccoperazione si può aiutare lo sviluppo e contrastare la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, oggetto dell’azione civica del volontariato, purtroppo le risorse per la coooperazione sono state drasticamente ridotte dal Governo Berlusconi”.

L’on. Narducci, dopo gli interventi di Don Livio Corazza, responsabile Area Europa Caritas italiana, Francesca Rispoli, responsabile del settore formazione Associazione “Libera”, Ernesto Caffo, presidente di S.O.S. Il Telefono Azzurro Onlus, Filippo Fossati, coordinamento del Forum Terzo Settore, Suzanne Diku, ginecologa dell’Istituto Nazionale Medicina dell’Immigrazione, ha fatto una analisi comparata dei divari nord-sud nei Paesi europei e parlando dell’esclusione sociale ha sottolineato che lo sviluppo deve essere basato su indicatori che mettono al centro il cittadino e il dato macroeconomico generale che a volte può nascondere sacche di povertà.

Il parlamentare eletto all’estero ha poi evidenziato le cause delle migrazioni e della povertà in un contesto globale ed ha operato una comparazione tra quanto accadeva agli emigrati italiani all’estero e quanto sta capitando in Italia e in Europa che ha bisogna di riprogrammare l’agenda dello sviluppo spostando l’attenzione dalla finanza all’economia reale a favore dello sviluppo e del benessere dei cittadini, per cui oggi si assiste ad un capitalismo finanziario che si discosta da quello industriale che ha accompagnato la costruzione dell’allora Comunità europea. E’ qui che bisogna intervenire per favorire una economia reale, quello che permette lo sviluppo vero ed il sostegno alla persona.

“Disoccupazione, pane e pace nel mondo sono le grandi questioni della globalizzazione di fronte a più di un miliardo di persone che soffre la fame mentre noi non riusciamo a raggiungere gli obiettivi del millennio fissato in ambito ONU” ha detto Narducci sottolineando che dal punto di vista parlamentare “non si riesce a lavorare per aggiornare gli strumenti legislativi che sono alla base dell’azione sociale del volontariato come la proposta di modifica della Legge 11 agosto 1991 n. 266” .

“Le migrazioni non sono dovute solo al dramma della guerra – ha concluso Narducci – ma anche ai problemi della fame e della desertificazione, i cosiddetti eco migranti di fronte ai quali tutti dobbiamo fare di più. Ed è qui che è fondamentale il ruolo del volontariato che però non deve essere lasciato solo, vi è bisogno di una consapevolezza sociale, diffusa e istituzionale di questi drammi per dare una risposta adeguata alle sfide che il volontariato quotidianamente raccoglie concordemente alla tradizione solidaristica italiana” (AgenParl).

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati