Home > Articoli e interventi, Cultura

Marchio del patrimonio europeo, simbolico in tempi di crisi d’identità

logo labelEcco il testo dell’intervento di questa mattina di Silvia Costa nel corso del dibattito sul marchio del patrimonio europeo.

In una stagione della vita dell’Europa di crisi d’identità e di prospettive, assume un particolare significato istituire un marchio del patrimonio europeo che identifichi quei luoghi, materiale e immateriali, di alto valore simbolico per la storia, la cultura e la realizzazione dell’Unione europea.

Ringrazio la relatrice Paliadeli di essersi fatta efficace interprete delle proposte e integrazioni avanzate da molti di noi nella commissione cultura. In particolare la relazione del parlamento prevede modalità più certe e rispettose del trattato di Lisbona nella suddivisione dei compiti tra Stati membri; Commissione e Parlamento.

Gli Stati membri, infatti, presentano ogni due anni – sulla base di criteri ben definiti – non oltre due siti, la Commissione, attraverso una preselezione che adotta sulla base dell’esame del panel europeo di esperti determina i siti ed esercita funzioni di controllo nonché, ogni sei anni, di valutazione della gestione efficace dei siti o di ritiro del label.

La funzione del Parlamento esce rafforzata dalla proposta, non solo, perché sono di sua designazione 4 dei 16 membri del panel europeo, ma perché ha un interlocuzione attiva con la lista dei siti preselezionati dalla commissione.

Condivido anche la soluzione data alla preventiva selezione sulla base dei nuovi criteri ai marchi già dati con il metodo intergovernativo che comunque, anche se non ritenuti idonei per il nuovo sistema, restano identificati con il marchio precedente, e non vengono cosi’ declassati.

Infine apprezzo il ruolo riconosciuto al Cer in una logica di sussidiarietà e la sottolineatura del necessario coinvolgimento da parte degli Stati membri di comuni regioni nella preselezione dei siti, nonché il riferimento oltre che alla natura culturale storica politica anche a quella religiosa.

Per coinvolgere di più i giovani sarebbe utile che gli Stati membri lanciassero bandi nelle scuole.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati