Home > Donne

L’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere: come eliminare disparità

Sapevate che in Europa le donne, in media, rappresentano solo il 14% degli ambasciatori, il 9% dei rettori universitari, il 3% dei direttori di grandi imprese e il 2% dei ministri? Pagate 2 euro in meno all’ora rispetto ai colleghi dell’altro sesso, come se non bastasse, le donne in carriera hanno ancora 13 ore di lavoro in casa che le aspetta. Della discriminazione nei salari, della violenza e della cosiddetta “barriera invisibile” oggi si occupa l’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere.

 

Che cosa fa l’istituto?

Inaugurato alla fine del 2009, l’EIGE é diventato indipendente nel giugno 2010 e da allora si occupa di fornire dati e creare strumenti metodologici per gli studi di genere, con lo scopo di diventare un centro di expertise sulle pari opportunità, favorire il dialogo e la cooperazione tra attivisti e decisori e aumentare la consapevolezza europea sull’argomento.

 

Il prezzo della diseguaglianza

“Non possiamo aspettare altri 100 anni! L’Europa non può più permettersi di ignorare la disparità tra i sessi che ancora la contraddistingue”, ha sottolineato Virginija Langbakk, direttrice dell’EIGE, durante un incontro della commissione per i Diritti della donna e l’uguaglianza di genere del 14 marzo.

Il prezzo che la società paga a causa delle discriminazioni sessuali è immenso: secondo i dati raccolti dall’istituto, in Europa, migliaia di donne vengono uccise ogni anno da compagni o ex, e il costo delle violenze domestiche é pesato nei bilanci pubblici per ben 16 miliardi di euro nel 2006.

Colmare il gap

“Sono contenta di non essere nata 100 anni fa”, ribadisce Langbakk e non solo “per le conquiste ottenute da allora, ma anche perché oggi si ha a disposizione una documentazione completa ed affidabile per poter studiare e mettere a confronto le situazioni dei diversi Stati” e dunque si può fare molto di più per cambiare le cose.

 

Il contributo dell’EIGE

L’istituto di genere sta preparando al momento numerosi studi: sulle donne e l’economia, le donne e l’ambiente, gli stereotipi e la narrativa, e sta contribuendo alla lotta contro la violenza domestica.

Sta lavorando, inoltre, ad un “indice di disuguaglianza” per valutare i progressi fatti nei singoli Stati  e costituire un Centro di Documentazione.

Infine l’EIGE, che oggi esibisce un logo disegnato da un’insegnante di scuola elementare – vincitrice del concorso europeo appositamente indetto – promette di continuare ad ascoltare i cittadini: tutti sono incoraggiati a nominare le candidate per gli appuntamenti annuali di “Le donne ispirano l’Europa” e, naturalmente, a diffondere i modelli positivi di donne di successo sui media e i social network.

 

 

Condividi:

    1 commento for “L’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere: come eliminare disparità”

    1. tiziana scrive:

      Sono d’accordo con questo articolo.

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati