Home > Dal Parlamento Europeo

Le decisioni del PE nella seconda sessione plenaria di settembre

Durante il discorso annuale sullo Stato dell’Unione, il Presidente della Commissione José Manuel Barroso ha annunciato al Parlamento una proposta formale per tassare le transazioni finanziarie. Gli altri temi: un maggiore controllo del bilancio degli Stati membri, la Palestina e l’introduzione di regole restrittive sulle esportazioni delle tecnologie a doppio uso (civile/militare). Ma ecco, in sintesi, gli argomenti trattati nella seconda plenaria di settembre e le decisioni assunte dall’aula.

Stato dell’Unione

L’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie in Unione europea è stata al centro del discorso tenuto mercoledì da José Manuel Barroso sullo Stato dell’Unione. Il presidente della Commissione ha definito l’Unione europea come il garante della pace e della stabilità in Europa. Molti dei gruppi politici hanno accolto calorosamente le sue proposte, condannando allo stesso tempo i tentativi degli Stati membri di combattere la crisi al di fuori dell’inquadramento istituzionale dell’Unione europea.

 

Governance economica

Dopo lunghe e intense negoziazioni, è stato approvato un pacchetto di leggi - il “six-pack”- sulla politica economica comune. Una maggiore sorveglianza dei budget statali impedirà agli Stati membri di ignorare le regole della finanza pubblica nell’eurozona.

 

Relazioni tra Unione europea e Palestina

I parlamentari hanno discusso della situazione nel Medio Oriente dopo che l’Autorità palestinese ha richiesto di diventare membro delle Nazioni Unite, e quindi di riconoscere lo stato palestinese. Alcuni membri del Parlamento hanno espresso il loro sostegno, altri hanno invece sottolineato il desiderio di maggiore sicurezza d’Israele e molti deputati hanno richiesto una ripresa delle negoziazioni per la pace.

 

Sicurezza stradale – Visione zero morti

Più di 35.000 persone sono morte a causa di incidenti stradali in Unione europea nel 2009.  Le 130 misure proposte dal Parlamento europeo per dimezzare le morti entro il 2020 prevedono l’introduzione sul mercato – e nelle macchine stesse – di alcool test e la riduzione del limite di velocità nelle aree residenziali a 30 km/h.

 

Prodotti a duplice uso

Il Parlamento ha rivisto le leggi europee sull’esportazione di prodotti che possono avere sia un uso civile che militare, come prodotti chimici, dispositivi di telecomunicazioni e software. Inoltre, i parlamentari hanno ottenuto il divieto all’esportazione di quelle tecnologie a duplice uso, che potrebbero essere impiegate per violare i diritti umani.

 

Tagli ai fondi per aiutare i più poveri

I fondi europei per le classi più povere – 13 milioni di persone – sono stati tagliati dopo che la Corte di giustizia dell’Unione europea ha dichiarato l’illegalità del modus operandi dell’operazione.

La Commissione ha dovuto tagliare il budget di  480 milioni di euro previsto per il 2012 e passare così a un quarto del budget iniziale: 113,5 milioni di euro. I deputati si sono appellati al Consiglio e alla Commissione e hanno criticato i sei Paesi membri che non hanno fatto abbastanza sforzi per trovare un compromesso.

 

Una questione di genere

In alcuni posti l’omosessualità, la bisessualità e la transessualità sono ancora viste come delle malattie mentali. In una risoluzione, i deputati hanno chiesto la fine della discriminazione basata sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere, di cui gay, lesbiche e trans sono spesso le vittime.

 

Turchia e Cipro

I deputati hanno espresso la loro preoccupazione per le tensioni tra Turchia e Cipro riguardo a una questione di petrolio e gas. Condannando le minacce della Turchia, i deputati hanno sottolineato che minacciare un Paese membro significa minacciare tutta l’Unione europea.

 

Body scanner

Giovedì mattina i deputati hanno discusso in Aula i dettagli tecnici dei body scanner presenti negli aeroporti dell’Unione europea. I deputati temono che possano rivelare troppe informazioni.

 

Summit Rio+20

I deputati hanno votato una risoluzione per trovare una posizione comune al Summit dell’Onu Rio+20. Durante il summit di giugno 2012, il Parlamento dovrà infatti mantenere una posizione compatta e unita rispetto alle questioni ambientali e allo sviluppo sostenibile.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati