- Silvia Costa - http://www.silviacosta.it -

Intervento di Maurizio Sciarra

Maurizio Sciarra, CentoAutori
Oggi in Europa si pone il problema del digital divide tra le nazioni più avanzate e quelle che non investono sulla rivoluzione digitale. Ma anche all’interno delle singole nazioni il problema si pone tra le grandi industrie e i grandi network che del digitale fanno terreno di investimento e di ricerca e le piccole e medie imprese indipendenti che non possono sempre permettersi investimenti . Quello che proponiamo, quindi ,è che l’Unione Europea individui e coordini le politiche di sviluppo delle singole nazioni, creando network transnazionali che favoriscano la nascita di consorzi di piccole e medie imprese indipendenti per investimenti concordati in ricerca, sviluppo e sperimentazione nel mondo digitale. Questo approccio richiede anche l’ armonizzazione di politiche che aprano i mercati ed impediscano la formazione e il consolidamento di posizioni dominanti sui mercati nazionali
L’U.E. dovrebbe farsi promotrice dell’armonizzazione delle politiche di sviluppo dell’audiovisivo europeo, incoraggiando forme di finanziamenti simili e compatibili negli Stati membri, per permettere l’interscambio di produzione e diffusione di contenuti, nel rispetto dei livelli comunitario, nazionale e regionale.
L’U.E. dovrebbe promuovere un portale unico europeo di diffusione delle opere audiovisive (soprattutto cinematografiche) che tenga conto della giusta remunerazione degli autori e dei produttori, ma altresì apra i mercati del digitale on line che sono troppo frammentati e rischiano di essere appannaggio soltanto dei grandi network extraeuropei.

Condividi: