- Silvia Costa - http://www.silviacosta.it -

Intervento di David Sassoli

David Sassoli, parlamentare europeo


Ci sono due settori dove l’ EU non è competente: sanità e sistema educativo, che comprende scuola,università e ricerca. Questo settore non va visto solo come il 2,6 % del PIL, vale molto di più. Come è possibile pensare all’industria culturale come strumento di crescita senza un forte impegno pubblico? E’ difficile far funzionare l’industria culturale e creativa senza una forte scuola ed una università “europee”.

Consiglio di puntare sugli standard pubblici, auspico che dentro lo “spirito europeo” ci sia più “pubblico”. È difficile tenere insieme lo spirito europeo e gli interessi nazionali quando questi ultimi sono così deboli. In Italia scuola,formazione e università vanno ripensati. Nel Libro Verde il tema pubblico va rimarcato profondamente.

Come è possibile che ci sia un’industria audiovisiva senza una Rai “forte”? Occorre rilanciare la funzione del “servizio pubblico” che non rincorra le televisioni commerciali ma che, anzi, sappia riportare la Rai ad avere la funzione educativa che ha avuto per tanti anni. Come può crescere la ricerca senza un sistema pubblico forte? È centrale la questione degli standard pubblici e dei servizi pubblici. In Italia viviamo grandi ritardi. Inoltre,occorre mettere nell’ agenda del Libro Verde il riconoscimento della “dignità dell’artista”  e non rinunciare alla collaborazione con paesi extraeuropei.

Condividi: