Home > Dal Partito Democratico, esclusa da homepage

Il Programma nazionale di riforma alternativo del PD

Il Partito Democratico ha elaborato un Programma Nazionale di Riforma alternativo a quello messo a punto dal governo, tenendo conto delle proposte discusse e votate nelle tre assemblee nazionali del Pd riunitesi nei mesi scorsi e del contributo di diversi centri di ricerca e di numerosi economisti.

Qui puoi scaricare il programma alternativo del Partito Democratico e qui il Piano Nazionale di Riforma del Governo.

Ed ecco, di seguito, in sintesi i punti salienti del programma alternativo del PD.
*****

Le proposte del Pd per dare all’Italia un’alternativa e la possibilità di una riscossa.

Il progetto del Pd propone, innanzitutto, una politica economica europea alternativa al mercantilismo e alla cieca austerity scelta dai governi di centro destra. Il Pd in sintonia con le altre forze progressiste europee insiste sulla domanda “interna” europea come motore autonomo di crescita.

Per l’Italia, il Pd rimette al centro dell’attenzione la crescita ed il lavoro , in particolare quella femminile e giovanile, l’efficienza e l’equità fiscale, indicando punto per punto dove e come si possono trovare le risorse per dare al paese una possibilità di riscatto e di uscita dal tunnel. Più in particolare, tra le proposte che il Pd mette in campo sui temi economici nazionali (il Pnr del Pd non riguarda solo l’economia, ma tutti gli aspetti della vita sociale) vi sono:

Le iniziative per combattere la precarietà:

- Far convergere il costo degli oneri sociali complessivi sul lavoro dipendente intorno ad un livello intermedio tra quanto oggi viene versato per i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato e quanto invece viene versato per i lavoratori impigliati in contratti low cost (primo tassello di una complessiva riforma del sistema fiscale).
- Introduzione di un salario o compenso minimo, determinato in riferimento agli accordi tra le parti sociali, per i lavoratori e le lavoratrici escluse dai contratti collettivi nazionali di lavoro.
- Riforma degli ammortizzatori sociali. Devono riguardare tutti, non solo i lavoratori dipendenti. Adeguamento delle aliquote di finanziamento degli oneri sociali pagati dai datori di lavoro in relazione al numero dei dipendenti assunti con contratti a termine. Fissazione di un’indennità di conclusione dei contratti a carico dei datori di lavoro.

“Fisco 20, 20, 20” – per un fisco equo ed efficiente:

- Riduzione al 20 per cento dell’aliquota sullo scaglione di reddito più basso, oggi al 23 per cento e riforma delle detrazioni fiscali: oltre che per livello di reddito, si devono differenziare secondo le età (a vantaggio dei giovani e degli ultra-settantacinquenni, in particolare non-autosufficienti) e secondo le diverse responsabilità familiari.
- Cosiddetta imposta negativa (nella realtà è un trasferimento di risorse) per affrontare il problema dell’incapienza, cioè di coloro che hanno redditi così bassi che non arrivano nemmeno a pagare le tasse e quindi nemmeno a godere degli sgravi fiscali (per carichi di famiglia, per produzione del reddito e così via).
- Bonus per i figli per lavoratori dipendenti, parasubordinati, indipendenti (autonomi, professionisti, imprenditori). Il bonus per i figli è di 3000 euro all’anno per ogni figlio. Viene introdotto gradualmente a cominciare dalla fascia 0-3 anni.
- Detrazione ad hoc per il reddito da lavoro delle donne in nuclei familiari con figli minori.
- Riduzione al 20 per cento della tassazione del reddito ordinario d’impresa.
- Innalzamento al 20 per cento dell’imposta sostitutiva sulle rendite finanziarie ed i redditi da capitale, ad esclusione dei titoli di Stato.

Iniziative per la riqualificazione e la riduzione della spesa pubblica:

- Va abbandonata la strada iniqua ed inefficiente dei tagli ciechi e riavviata e potenziata un’analisi approfondita di tutte le poste del bilancio pubblico attraverso processi di spending review. Cioè bisogna intervenire sugli sprechi non anche sulle spese necessarie e produttive come si fa oggi.
- Va realizzato, per ciascuna amministrazione centrale, un “piano industriale” di riorganizzazione che definisca obiettivi, risorse, tempi, modalità di verifica rendendo ordinario il benchmarking (l’indicazione del livello da raggiungere) dei servizi offerti ed efficace la valutazione dei risultati.
- Vanno rafforzati gli indicatori dell’efficienza delle diverse strutture pubbliche (uffici, scuole, ospedali, tribunali).
- Vanno sviluppati meccanismi che consentano di valutare l’adeguatezza dell’entità complessiva di ciascuna voce di spesa, indipendentemente dalle tendenze fino ad oggi (zero-based budgeting).

Iniziative per la politica industriale:

- Rilancio e rifinanziamento di “Industria 2015”, il programma di indicazioni, investimenti e ricerca sui settori di punta del paese avviato durante il governo Prodi e praticamente arenatosi per l’incapacità e la volontà del governo Berlusconi.
- Rimozione del click day per investimenti in innovazione e ricerca e nel Mezzogiorno;
- Riscrittura del decreto per gli incentivi fiscali alle fonti rinnovabili di energia
- Riavvio della strategia di liberalizzazione dei servizi, con priorità alla liberalizzazione della distribuzione di carburanti (Il Pd ha presentato oltre 20 proposte di possibili liberalizzazioni capaci di dare una spinta alla crescita del paese).

Sul piano europeo il Pd propone tra l’altro:

1. La costituzione di un’agenzia europea per il debito che acquisti i titoli di Stato dei paesi aderenti ed emetta titoli di debito europei (eurobonds) garantiti in modo collettivo;
2. Un piano europeo di investimenti per l’occupazione, l’ambiente e l’innovazione, alimentato dalle risorse raccolte attraverso l’emissione di eurobonds, l’introduzione di specifici strumenti fiscali a livello europeo, tra i quali la Financial Transaction Tax ed il rafforzamento della tassazione ambientale, oltre agli interventi della Banca Europea degli Investimenti e del fondo infrastrutturale “Marguerite”;
3. Uno “standard retributivo” europeo per coinvolgere i paesi in surplus nel processo di aggiustamento delle bilance commerciali. Lo standard retributivo implica una crescita delle retribuzioni reali in linea con la dinamica della produttività. In altri termini, i paesi caratterizzati da surplus commerciale sistematico e da dinamiche retributive al di sotto dello “standard” dovrebbero accelerare la crescita delle retribuzioni oltre la variazione della produttività per contribuire all’assorbimento degli avanzi con l’estero. Viceversa, i paesi in deficit con l’estero dovrebbero allineare l’aumento delle retribuzioni alla produttività e, soprattutto, attuare politiche per accrescerla;
4. Una più equilibrata distribuzione del reddito da lavoro, sia primaria (conseguita sul mercato del lavoro) che secondaria (sostenuta da interventi di welfare e fiscali) capace di restituire potere d’acquisto e sicurezza alle famiglie.

Condividi:

    3 commenti for “Il Programma nazionale di riforma alternativo del PD”

    1. eugenio bartozzi scrive:

      Mi rammarico soltanto che il nostro programma non sia diffuso come avveniva in passato,forse perchè sono un vecchio compagno abituato ad un organizzazione diversa.Le mie radici sono profonde vengo da lontano e mi è stato insegnato che essere un Comunista significava mettersi al servizio della gente,sono stato dai 20 ai 42 anni i sindacato,poi ho lavorato nel partito, anche se ero in produzione in SIP, la mia coerenza non ha prezzo e non accetto gli insulti di un tale che ci defisce incapaci di pensare. Fraterni saluti.

    2. Antonio Borrasi scrive:

      Mi sa che è un pò pochino troppe chiacchiere pochi contenuti… alla fine si tratta di spostare il peso fiscale su soggetti a reddito più alto… giusto per carità… ma non si risolveniente si tampona soltanto!!!!
      Qua idee nuove non cene sono!!!!
      Niente di diverso dal PDL o dalla LEGA niente proprio!!!

    3. Lorella Lattavo scrive:

      Solita demagogia…chiacchere e basta, paroloni tanto per confondere…mah..staremo a vedere…

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati