Home > Primo piano

Il presidente Monti: Uniti per riscattare il Paese Lavoro a giovani e donne, oggi risorse sprecate

Il Presidente del Consiglio incaricato Mario Monti ha svolto in Senato il discorso programmatico con cui ha richiesto la fiducia al Parlamento. Dopo avere rivolto parole di ringraziamento al Capo dello Stato, al Presidente del Senato, al suo predecessore Berlusconi e a tutte le forze politiche per il sostegno e la vicinanza dimostrati nel corso della breve ma intensa fase di consultazioni e dopo aver sottolineato la centralità che il nuovo Esecutivo intende assegnare al ruolo del Parlamento, il Presidente Monti ha individuato tra gli scopi del suo Governo di impegno nazionale il rafforzamento delle relazioni civili ed istituzionali attraverso un rinnovato senso dello Stato, negando che il fondamento del difficile incarico ricevuto sia da ricercare nella sussistenza di una presunta superiorità della tecnica rispetto alla politica ed anzi sottolineando la volontà di contribuire a riconciliare i cittadini con le istituzioni e con la politica.

Il Presidente Monti ha riconosciuto il carattere internazionale della crisi in atto, che però ha colpito in particolare l’Italia in un contesto in cui l’Europa sta conoscendo il periodo più difficile del secondo dopoguerra. Il fallimento politico dell’Europa quale conseguenza inevitabile del fallimento della moneta unica porterebbe ad un mondo meno equilibrato, prospettiva da scongiurare anche rafforzando il peso dell’Italia nel contesto continentale ed evitando che essa ne venga considerata l’anello debole. A tal fine, il Governo intende fondare la propria azione su tre pilastri: il rigore di bilancio, la crescita e l’equità. I sacrifici chiesti e da richiedere ai cittadini verrebbero infatti annullati dall’assenza di crescita e non sarebbero accettati in mancanza di una loro equa distribuzione.

L’Italia aveva già piena consapevolezza della necessità delle misure indicate dalle istituzioni europee, a partire da quelle volte a facilitare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese e a rimuovere gli ostacoli che hanno finora impedito l’ingresso nel mondo del lavoro a troppe donne e giovani; misure che certo non hanno effetti nel breve periodo ma che sono fondamentali per aspirare al giudizio positivo di quegli investitori interessati a capire la prospettiva futura del Paese. Il Presidente Monti ha quindi sottolineato la necessità di colmare le profonde disparità territoriali, rimodulando le risorse da destinare al Mezzogiorno ma nella consapevolezza dell’esistenza anche di una questione settentrionale. Ribadito il valore costituzionale delle autonomie speciali, occorre incentivare la piena e leale collaborazione tra i livelli istituzionali e fare un uso efficace dei fondi strutturali europei.

Il Presidente Monti ha distinto, all’interno del programma di Governo, i provvedimenti atti ad affrontare l’emergenza da quelli volti a predisporre un percorso di modernizzazione delle strutture economiche e sociali che potrà essere portato a compimento da successivi Governi. Tra gli impegni che l’Esecutivo intende assumere, l’introduzione in Costituzione del vincolo del pareggio di bilancio per le amministrazioni pubbliche (i cui bilanci vanno armonizzati tra loro); la piena attuazione delle manovre economiche adottate in estate e di quelle sollecitate dall’Europa; l’attuazione della riforma dei sistemi fiscale ed assistenziale; il contenimento dei costi di funzionamento degli organi elettivi; il riordino delle competenze delle Province in vista della loro definitiva soppressione; misure di adeguamento del sistema pensionistico, peraltro già tra i più sostenibili in Europa; la lotta all’illegalità e all’evasione fiscale anche al fine di abbattere le attuali aliquote; la revisione del trattamento fiscale riservato alla ricchezza immobiliare tenendo anche conto che l’esenzione dell’ICI per la prima casa è una peculiarità solo italiana; un piano di dismissioni e di valorizzazione del patrimonio pubblico; una graduale riduzione della pressione fiscale e la modifica della composizione del prelievo finalizzata a favorire la crescita; il coinvolgimento di capitali privati nella realizzazione di infrastrutture; una riforma del mercato del lavoro che, fermi restando i rapporti di lavoro in essere, si prefigga l’obiettivo di fornire tutele soprattutto a chi oggi ne è completamente privo anche attraverso una revisione sistematica degli ammortizzatori sociali e la piena inclusione di donne e giovani nel mondo del lavoro; il rafforzamento dei servizi di cura agli anziani; politiche microeconomiche per la crescita; investimenti per le infrastrutture; la riduzione dei tempi della giustizia civile; l’azione di contrasto a tutte le mafie; una politica estera fondata su vocazione europeista, solidarietà atlantica, perseguimento degli interessi nazionali, sicurezza nazionale ed internazionale.

 

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati