- Silvia Costa - http://www.silviacosta.it -

Fondi UE per rinnovare gli alloggi delle comunità emarginate

Il Parlamento ha adottato un regolamento che permetterà alle comunità emarginate di tutti gli Stati membri di beneficiare dei fondi europei per la ristrutturazione, il rinnovo o la sostituzione delle loro abitazioni.

Con 588 voti favorevoli, 57 contrari e 16 astensioni, il Parlamento ha adottato un testo di compromesso negoziato con il Consiglio che modifica il regolamento sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) al fine di estendere a tutti gli Stati membri la possibilità di ricorrere ai finanziamenti UE per ristrutturare, rinnovare o sostituire le abitazioni esistenti delle comunità emarginate che vivono nelle zone urbane o rurali. Questa possibilità era finora riservata ai 12 Stati membri che hanno aderito all’UE nel 2004 e nel 2007.

Più in particolare, le spese per l’edilizia abitativa (eccettuate le spese per i miglioramenti dell’efficienza energetica e per l’utilizzo di energie rinnovabili) sono ammissibili per le zone colpite o minacciate dal deterioramento fisico e dall’esclusione sociale negli Stati membri che hanno aderito all’Unione europea il 1° maggio 2004 o successivamente e “nell’ambito di un’operazione di sviluppo urbano integrato o di un asse prioritario”. In tutti gli Stati membri sono invece ammissibili soltanto “nell’ambito di un approccio integrato per le comunità emarginate”.

L’allocazione per l’edilizia abitativa può ammontare a un massimo del 3% della dotazione del FESR destinata ai programmi operativi interessati ovvero al 2% della dotazione totale del FESR. Le spese potranno essere destinate al rinnovo delle parti comuni in alloggi multifamiliari esistenti e al rinnovo e cambio d’uso di edifici di proprietà di autorità pubbliche o di operatori senza scopo di lucro da destinare a famiglie a basso reddito o a persone con esigenze particolari. Nei “vecchi” Stati membri, gli interventi potranno comprendere il rinnovo e la sostituzione degli edifici esistenti.

Condividi: