Home > Comunicati stampa, Dall'Europa

Euyo, venerdì il debutto in Italia. Alessandra Abbado: “Il più felice sarà Claudio”

Euyo-2-e1510397782679

“Tutta l’Europa deve essere grata all’Italia per questo progetto” ha spiegato, evidenziando il “positivo” lavoro fatto dall’europarlamentare Silvia Costa e dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini

La European Union Youth Orchestra fa il suo debutto ufficiale in Italia. Si terrà venerdì 30 marzo presso il Teatro Comunale di Ferrara Claudio Abbado il concerto straordinario della Euyo, l’orchestra fondata nel 1976 in seguito a una Risoluzione del Parlamento europeo che adottò e sostenne la proposta di Claudio Abbado (primo direttore) di fondare una orchestra sinfonica di giovani della Ue. Traferita da Londra per via della Brexit, l’Orchestra giovanile europea troverà “casa” proprio nella città estense, attraverso un progetto di residenza triennale, fino al 2020, per diventare così fulcro artistico del programma della stagione concertistica di Ferrara Musica.

E venerdì il più felice di tutti – ha sottolineato ad Agcult Alessandra Abbado, figlia del celebre direttore d’orchestra – sarà proprio Claudio, “perché lui amava Ferrara, tanto che nel corso della sua carriera ha sempre continuato a portarci tutte le sue orchestre. Tutta l’Europa deve essere grata all’Italia per questo progetto”, ha spiegato la Abbado, evidenziando il “positivo” lavoro fatto dall’europarlamentare Silvia Costa e dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini: “Sappiamo che all’inizio c’era il rischio che l’esperienza della European Orchestra finisse, quindi è stata doppiamente salvata, sia dalla Brexit che dalla chiusura. Tanti giovani porteranno a Ferrara gioia e vitalità culturale”.

Con l’accordo firmato nelle scorse settimane con il ministero dei Beni culturali e con la Rai, il Comune di Ferrara si è impegnato a ospitare la residenza artistica Euyo, accogliendone, nell’ambito della Stagione di Ferrara Musica, concerti sinfonici e cameristici. La Rai ospiterà la sede legale della Fondazione cui farà riferimento l’orchestra giovanile, promuoverà le iniziative musicali e continuerà a mettere a disposizione della Euyo spazi, strutture e impegno organizzativo per la selezioni dei giovani musicisti nella sede di Roma.

Per la figlia del celebre direttore, quindi, “non si poteva scegliere città migliore”, vista anche la ricchezza musicale della città estense, che ospita la Mahler Chamber Orchestra e la Chamber Orchestra of Europe, simbolo stesso di Ferrara Musica. Inoltre, spiega, “avere la residenza per un’orchestra è una fortuna, perché questo vuol dire poter studiare e vivere la città e non solo fare le prove: esattamente quello che voleva Claudio.

“Credo che per un ragazzo entrare in un’orchestra così sia un’opportunità unica. Ferrara è la città giusta per questo progetto, dà sufficiente pace e bellezza per poter studiare, cosa che non tutte le città italiane offrono. Si vive tutti insieme, c’è un clima di gruppo, tanti di loro si sposano fra loro e in questi anni ho visto nascere tanti bambini”, ha concluso Alessandra Abbado.

L’EUYO

La European Union Youth Orchestra riunisce i giovani più talentuosi di tutti gli Stati membri dell’Ue e ha l’obiettivo di rappresentare l’ideale europeo, perseguire innovazione e dedicarsi alla costante ricerca dell’eccellenza. È composta da 160 elementi su 3.000 musicisti di età compresa tra i 16 e i 26 anni, selezionati annualmente nelle audizioni che si tengono in tutti i 28 Stati membri.

Fin dall’inizio, il progetto di un corpo orchestrale europeo è stato sostenuto, a livello politico ed economico, sia dal Parlamento sia dalla Comunità Europea.

Euyo ha un legame particolare con l’Italia: nel 1976 fu Claudio Abbado a presentare il progetto di un’Orchestra Sinfonica di Giovani dell’Ue. Con lui, tra i fondatori, Lionel Bryer, Presidente dell’orchestra, sua moglie Joy Bryer Segretario Generale, e il M° Vladimir Ashkenazy.

Sul podio dell’Euyo si alternano i più famosi direttori d’orchestra di livello mondiale. Da sempre prestigiosa fucina di talenti, i suoi 160 componenti sono chiamati a far parte dell’Orchestra per un intero anno di attività concertistica e di tournée in giro per il mondo. Molti di loro oggi sono direttori, solisti, insegnanti e strumentisti che lavorano con le principali orchestre internazionali. Attraverso il linguaggio universale della musica, Euyo contribuisce a rafforzare la rete culturale e creativa europea, operando a livello transnazionale, a promuovere il patrimonio immateriale della produzione culturale locale, regionale ed europea e rappresenta uno dei più efficaci ambasciatori dell’Europa unita.

L’EUYO IN ITALIA

Nel nostro Paese, la presenza di EUYO – che celebrerà la figura del M° Abbado – avrà la forma giuridica di una Fondazione: la sede legale e l’Ufficio del Board saranno a Roma, in una delle sedi Rai, che diventerà il primo broadcast partner ufficiale dell’Orchestra. A Ferrara, grazie alla collaborazione e al sostegno economico dell’Amministrazione Comunale (400mila € per le annualità 2018, 2019, 2020), sarà istituita la sede operativa e saranno avviate dal 2018 le residenze primaverili ed estive che consentiranno la produzione di spettacoli sinfonici e cameristici al Teatro Abbado durante tutto l’anno e in particolare durante Ferrara Festival.

“Il progetto italiano”, per le annualità 2018 – 2020, prevede di fornire strutture, finanziamenti, formazione e opportunità di performance più efficaci per l’Orchestra Giovanile dell’Unione Europea nei prossimi anni, come parte integrante dell’altra nuova residenza dell’Orchestra a Grafenegg, in Austria. L’attività in Italia di Euyo, in particolare durante il periodo delle selezioni, includerà prove aperte, attività in collaborazione con le altre orchestre giovanili, momenti di comunicazione radiotelevisivi e sui nuovi media, eventi con le realtà musicali delle città ospiti, secondo un piano di lavoro che costituirà un modello di riferimento per simili iniziative nella Ue. La Rai offrirà il suo apporto attraverso tutte le sue piattaforme – in particolare con la radio – a livello informativo, promozionale, culturale, internazionale, curerà le selezioni italiane, l’ufficio stampa, il nuovo sito web, la comunicazione e la promozione attraverso la UER. La Commissione Europea continuerà a sostenere economicamente l’Orchestra come ambasciatrice culturale dell’Ue con i finanziamenti del programma “Europa creativa”.

LA RAI E EUYO

Dalla sua fondazione Euyo ha avuto sede a Londra. Dal 2018, in seguito alla Brexit e grazie all’impegno congiunto della Rai, del Mibact e del Comune di Ferrara, la nuova casa dell’Orchestra sarà l’Italia. Ferrara e il Teatro Abbado ospiteranno la sede operativa mentre la Rai ospiterà a Roma la sede legale dell’Euyo.

La Rai, unico broadcaster europeo sostenitore dell’Euyo, organizza ogni anno, presso la sede della Radio di Via Asiago, le audizioni dei giovani musicisti italiani candidati alle selezioni e sostiene le attività di Euyo fin dalla sua fondazione, anche in qualità di membro di EBU (European Broadcasting Union). Questa rinnovata collaborazione tra la Rai ed Euyo prevederà, oltre all’ospitalità, ampio spazio alla musica e ai giovani artisti dell’Orchestra attraverso la trasmissione e la promozione dei concerti più prestigiosi della stagione musicale.

Condividi:

    Scrivi un commento

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2018 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Accedi