Home > Dal Parlamento Europeo

Eurodeputati incontrano Cialente: “L’Aquila beffata su zona franca”

Sulla Zona franca ci si e’ mossi tardi, lentamente e senza motivazioni. Questa trasferta e’ servita a capire che solo dal primo gennaio 2011 e’ stato avviato l’iter e le integrazioni richieste dall’Ue sono arrivate solo qualche giorno fa. L’ennesima beffa ai danni degli aquilani, di cui stavolta faranno le spese migliaia di imprenditori, commercianti e lavoratori”.

Ha esordito cosi’ il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, incontrando a Bruxelles una delegazione di parlamentari europei, guidata da David Sassoli. Presenti Andrea Cozzolino, vicecapodelegazione del PD; Rosario Crocetta, Sergio Cofferati, Mario Pirillo, Silvia Costa, Patrizia Toia, Vittorio Prodi e Rita Borsellino, del Partito Democratico; Barbara Matera, Gabriele Albertini, Erminia Mazzone, del PdL; Giuseppe Gargani, dell’Udc; Salvatore Tatarella di Fli; e Mara Bizzotto della Lega.

”La burocrazia che sta bloccando la ricostruzione, e che ha provocato un blocco totale nel 2010, facendo perdere un anno prezioso – ha proseguito Cialente nella sala conferenze del Parlamento europeo – ha prodotto anche questo incommensurabile danno all’economia e all’occupazione della citta’ dell’Aquila. La Commissione per la concorrenza dell’Ue, che deve deliberare in merito alla Zona franca, aveva espresso delle riserve e prospettato lo strumento del ‘de minimis’ quale alternativa in grado di dare respiro alle attivita’ produttive. Perche’ non e’ stato fatto nulla’? – ha chiesto – Non si voleva raccogliere il suggerimento, peraltro immediatamente attuabile poiche’ di competenza delle autorita’ italiane’?”.

”Evidentemente – ne ha dedotto – lo si voleva tirar fuori dal cilindro in un secondo momento per poi spacciarlo per Zona franca”. ”A questo punto – ancora Cialente – dobbiamo certamente portare avanti il discorso della Zona franca, che pero’ prevede un iter complesso e lungo, e, nel contempo, intraprendere ogni azione per ottenere lo strumento del ‘de minimis”’.

Cialente, a conclusione della giornata di Consiglio comunale straordinario nel cuore dell’Europa, ha detto di aver capito una cosa: ”Dobbiamo muoverci con le nostre forze, verificare tutto, perche’ in questo dramma troppe sono state le bugie e le omissioni ai danni e sulle spalle dei cittadini aquilani. L’Europa – ha riconosciuto – ci e’ vicina, dobbiamo istituire, cosi’ come indicato dall’on. Sassoli, un tavolo permanente che ci consenta di esplorare tutte le possibilita’ offerte dalle politiche comunitarie per la ricostruzione, non solo quella delle case e dei monumenti”. Cozzolino ha assicurato che ”stiamo lavorando per far si’ che una quota parte dei fondi strutturali siano destinati alle comunita’, e non solo alle Regioni, cosi’ che anche la citta’ dell’Aquila possa avere piu’ risorse per programmare la ricostruzione”.

 

Agenzia Asca, 29 novembre 2011

Foto tratta da abruzzo24ore.tv

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati