Home > Cultura, Donne

Donne e cultura, ecco le novità emerse nelle Commissioni

silvia commissione 2Nel corso della Commissione donne e uguaglianza di genere si è svolto un
interessante scambio di opinioni con alcuni esperti in merito al contributo che possono offrire le politiche europee volte all’uguaglianza di genere per la lotta alla criminalità giovanile.

Si è trattato di un primo scambio di vedute su questa tematica che verrà affrontata, attraverso un progetto di relazione, nei prossimi mesi. Il documento alla base dell’evento, elaborato dalla relatrice Anna Zaborska (PPE), focalizza l’attenzione soprattutto sul legame fra i comportamenti criminali dei giovani e l’ambiente familiare.

Nel corso della discussione, cui ha partecipato anche Elisa Manna, direttrice del Dipartimento delle Politiche Culturali del Censis, sono emersi altri nodi su cui sarà necessario riflettere nel corso dell’elaborazione della relazione. In particolare:
- la necessità di un sostegno alle famiglie che si trovano in situazioni difficili e disagiate.
- il legame fra la marginalità sociale e la delinquenza.
- il bullismo e le tipologie delle piccole forme di devianza che si manifestano in età giovanile.
- il rapporto fra la dispersione scolastica e la criminalità giovanile.
- il rapporto fra i modelli proposti dai media e la delinquenza. In particolare su questo aspetto è stato evidenziato che una errata e stereotipata rappresentazione della donna e del rapporto uomo-donna prolunga il permanere di atteggiamenti di disuguaglianza nei confronti delle donne che possono portare ad atteggiamenti violenti, anche e soprattutto fra i giovani.

Abbiamo inoltre votato e approvato quattro testi:
- Il progetto di relazione “Integrazione sociale delle donne appartenenti a gruppi
etnici minoritari”
.
- Il progetto di relazione su lo “Sviluppo del potenziale occupazionale di una
nuova economia sostenibile”
.
- I progetti di parere sul “Servizio europeo per l’azione esterna” e sugli “Orientamenti per le politiche dell’occupazione degli Stati membri”.

Mercoledì scorso la Commissione Cult (Cultura e Istruzione) ha intanto approvato il progetto di relazione “sul giornalismo e i nuovi media – creare una sfera pubblica in Europa”. L’obiettivo generale di questa relazione è quello di presentare alcuni percorsi volti a coinvolgere maggiormente i cittadini europei nelle questioni che riguardano l’Unione europea.

La relazione esamina i modi in cui la comunicazione può avviare, incentivare e agevolare il dibattito europeo e il flusso delle informazioni, sia per mezzo di una più ampia discussione delle questioni europee nei media nazionali che tramite una sfera pubblica europea.

Una comunicazione migliore delle tematiche europee è infatti cruciale per la
democrazia europea. Il servizio pubblico radiotelevisivo dovrebbe coprire le
tematiche europee, anche in maniera critica e con una totale indipendenza editoriale. Dall’altra parte i governi, i partiti e i politici devono contribuire maggiormente a spiegarle ai loro cittadini.

La relazione suggerisce inoltre di includere studi europei nei programmi scolastici, infatti, sebbene il Trattato di Lisbona abbia dato al Parlamento europeo maggiori poteri nel processo decisionale i cittadini continuano a vedere l’Europa troppo distante e poco influente nella soluzione dei problemi reali.

La relazione affronta anche il tema dei nuovi “social media” riconoscendone il potenziale immenso per raggiungere i giovani, la Commissione e il Parlamento dovrebbero quindi aumentare le loro attività in questo campo. Allo stesso tempo la credibilità dei social media non può essere sempre sufficientemente garantita e non possono essere considerati media professionali. Inoltre l’immissione dei dati personali nei social media può essere pericolosa ed è richiesta una certa cautela nell’utilizzo di questi nuovi strumenti, anche attraverso la stesura di un codice etico.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati