Home > Donne, esclusa da homepage, Roma

Donne, Silvia Costa (PD/S&D): “Subito il coordinatore nazionale antitratta”

L’europarlamentare testimonial della Via Crucis di solidarietà e preghiera in favore delle donne vittime di tratta, prostituzione coatta e violenze, promossa dalla Comunità Giovanni XXIII

Via Crucis Donne crocifisse - Roma, 21 marzo 2014 - Fonte foto papaboys.orgRoma, 21 marzo 2014 – “Ora che in Europa è stata finalmente istituita la figura del Coordinatore Antitratta, è urgente che l’Italia faccia lo stesso e nomini rapidamente un coordinatore nazionale” – è quanto ha chiesto oggi l’eurodeputata Silvia Costa, prendendo parte alla Via Crucis “Per le donne crocifisse” tenutasi a Roma.

Spazio giuridico comune per la prevenzione, per la tutela e il reinserimento delle vittime: questo diventa l’Europa con la direttiva antitratta, un fatto giuridico e culturale nuovo e importante con il quale l’Unione ha detto basta a questa nuova schiavitù” – ha aggiunto l’eurodeputata, relatore ombra della direttiva nella Commissione Donne del Parlamento Europeo.

“La direttiva stabilisce una pena massima non inferiore a 5 anni e almeno di 10 nei casi in cui siano presenti aggravanti come nel caso di coinvolgimento di minori, persone vulnerabili, appartenenza degli sfruttatori a organizzazioni criminali e quando venga messa a repentaglio la vita delle vittime”, ha spiegato Costa, che ha continuato: “L’Ue chiede inoltre agli Stati Membri più forte impegno per l’assistenza e il sostegno prima, durante e dopo i procedimenti penali contro gli sfruttatori, nonché protezione, consulenza legale, sostegno al reinserimento e risarcimento delle vittime”.

“Ma l’azione europea è indirizzata anche a scoraggiare la domanda – ha aggiunto Costa - come testimonia la recente approvazione in Parlamento della risoluzione Honeyball sulla prostituzione, che incoraggia gli Stati Membri a sanzionare i clienti, e non delle prostitute. Anche agli uomini l’Europa chiede di non essere complici di questo vilipendio della dignità della donna, che offende anche loro”.

“Nella prevenzione, assistenza e sostegno alle vittime  il ruolo delle associazioni laiche e religiose è centrale – ha concluso Costa - un dato riconosciuto anche dall’Europa. Questa importante iniziativa di solidarietà rappresenta un esempio di come il loro impegno sia utile anche a tenere sempre alta l’attenzione su questo fenomeno”.

 

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati