Home > Dal Parlamento Europeo, esclusa da homepage

Dagli Ogm alla Primavera araba, i punti salienti della seduta plenaria

Ecco gli argomenti principali che saranno al centro della seduta plenaria del Parlamento europeo che si svolge a Strasburgo dal 4 all’8 luglio 2011.

 

Etichette: il Parlamento adotterà regole nuove e più chiare sull’etichettatura dei prodotti alimentari. Il contenuto energetico, la percentuale di grassi, grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale dovrà essere chiaramente visibile sugli imballaggi, se l’Aula approverà le nuove regole mercoledì.

 

Derivati, vendite allo scoperto e sistemi di indennizzo: tre proposte per regolare il commercio dei derivati, le vendite allo scoperto e per incrementare l’indennità garantita agli investitori per frodi fino a 100.000 euro, saranno poste in votazione la prossima settimana a Strasburgo. I relatori dei testi legislativi cercano il sostegno dell’intera Aula per rafforzare il loro potere nel corso dei negoziati con gli Stati membri.

 

Coltivazione degli OGM: il diritto a uno stop. Gli Stati membri dovrebbero essere liberi di porre restrizioni o vietare la coltivazione di colture geneticamente modificate, secondo una proposta di modifica del regolamento. Il Parlamento deciderà martedì se dare il proprio appoggio alla raccomandazione della commissione per l’ambiente, per consentire agli Stati di addurre anche motivi ambientali per restringere o vietare la coltivazione di OGM.

 

Regole sul traffico: Il Parlamento blocca la strada ai trasgressori stranieri. La cooperazione fra le forze di polizia transfrontaliera metterà fine all’impunità per i guidatori sorpresi in un altro Stato membro dell’UE a superare i limiti di velocità, guidare in stato di ebbrezza o ignorare i semafori rossi. Secondo le nuove norme, le autorità di polizia addette al traffico saranno autorizzate a perseguire chi trasgredisce, grazie a una maggiore cooperazione con le autorità nazionali.

 

Elezioni PE: liste europee per 25 candidati? Per incrementare l’affluenza alle urne per le elezioni del Parlamento europeo, dal 2014 gli elettori dovrebbero esprimere due voti: uno per le liste europee e un altro per i candidati nazionali, secondo la proposta che verrà votata mercoledì. Le liste europee dovrebbero consentire agli elettori di scegliere altri 25 deputati, portandoli a un totale di 776.

 

Finanziamenti regionali:  L’impegno per la coesione attraverso investimenti cofinanziati dall’UE a livello regionale è un successo che l’UE deve assolutamente continuare, afferma Markus Pieper (PPE) nella sua risoluzione sulla “Strategia per la politica di coesione dopo il 2013″. Il Parlamento voterà gli adeguamenti necessari per ottenere maggiore trasparenza e per garantire il massimo effetto leva dei fondi strutturali.

 

La Polonia riceve il testimone alla guida UE. Il Primo ministro Donald Tusk presenterà mercoledì le priorità della Presidenza polacca, il cui obiettivo principale sarà di riportare l’UE a una crescita economica più veloce. A tal fine, la Presidenza polacca si concentrerà su tre priorità: l’integrazione europea come fonte di crescita, la sicurezza europea e i benefici che l’Europa potrà trarre da una maggiore trasparenza.

 

Bilancio a lungo termine dell’UE (2014-2020): i leader dei gruppi politici, o i loro rappresentanti, discuteranno le proposte della Commissione per il nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP) e un nuovo sistema di risorse proprie. Il Presidente Barroso e il commissario per i bilanci Lewandowski illustreranno in Aula le loro proposte martedì 5 luglio dalle 15:00.

 

Schengen: Il Parlamento europeo reagirà alla richiesta del Consiglio per una clausola di salvaguardia delle norme Schengen, che permetto in via eccezionale la reintroduzione dei controlli alle frontiere interne in una “situazione veramente critica”, nel caso uno Stato membro, a causa di massicci flussi migratori alle sue frontiere esterne, non riesca a far fronte ai suoi obblighi.

 

572 milioni di euro all’Italia? Il Parlamento voterà il martedì una proposta per ridurre di quasi 572 milioni di euro il contributo dell’Italia al bilancio di quest’anno. L’importo totale da restituire agli Stati membri è di 4,54 miliardi di euro. Si tratta di importi non utilizzati nel 2010.

 

PNR: L’Aula interroga la Commissione sullo stato di avanzamento dei negoziati con Australia, Stati Uniti e Canada per quanto riguarda il trasferimento dei dati dei passeggeri aerei (Passenger Name Record).

 

Primavera araba: il peggioramento della situazione in Yemen, Siria e Bahrein, e il mondo arabo e Nord Africa più in generale, saranno i temi del dibattito di mercoledì con l’Alto rappresentante per gli Affari esteri dell’Unione europea, Catherine Ashton. Le risoluzioni saranno poi poste in votazione giovedì.

Condividi:

    Scrivi un commento

    ARGOMENTI

    Ufficio di Bruxelles Parlamento Europeo

    Bât. Altiero Spinelli 15G309, Rue Wiertz / Wiertzstraat 60, B-1047
    Bruxelles
    Tel. +32 (0)2 2845514
    Fax +32 (0)2 2849514
    E-mail: silvia.costa@europarl.europa.eu
    Assistente parlamentare: Ambra Sabatelli

    Ufficio di Strasburgo Parlamento Europeo

    Bât. Louise Weiss - T06129 - 1, avenue du Président Robert Schuman, F-67070 Strasbourg
    Tel. +33 (0)3 88 1 75514
    Fax +33 (0)3 88 1 79514
    Ufficio di Roma

    Tel. 06 6793557

    Tel. 06 92916547
    Email: info@silviacosta.it

    Copyright © 2010-2014 Silvia Costa - Powered by PicSrl.it - Collegati